Essenza

Nella società in cui viviamo siamo ormai abituati ad avere tutto a portata di mano, tutto disponibile e fruibile nel più breve tempo possibile.

Questa evoluzione ha portato tutti dunque a voler fermare il tempo, fermare le cose che ci passano davanti per farle nostre. 

Tutti possiamo avere tutto ma solo in modo apparente, si tralascia infatti il fatto che tutto è in continuo movimento, sempre, e in ogni preciso istante.

Anche quando osserviamo qualcosa che apparentemente ci si presenta “ferma”, essa in realtà, si sta muovendo; tutto si modifica, si crea, si distrugge e si ricrea e persino noi stessi, trovandoci in una determinata situazione, siamo manipolatori della realtà che ci circonda.

Mi è venuto spontaneo chiedermi ad un certo punto se:

La realtà che si osserva, può bastare a generare emozioni in noi?

Può solo questo emozionarci? 

Questo sentirci padroni di tutto ciò che vogliamo, può bastare per emozionarci?

Attraverso la mia ricerca fotografica, ho lavorato all’interno di me, sempre più in sottrazione per andare a scoprire cosa mi emoziona della realtà che osservo.

Questa ricerca mi ha condotto a scoprire che nella parte più intima di ciò che osserviamo risiede una porzione elementare, chiamata essenza. Con il termine Essenza definisco quella caratteristica della realtà, che una volta “isolata” è in grado di generare emozioni in chi la scopre.

Il mio lavoro attraverso le mie opere è stato questo, fotografare l’essenza della realtà. 

Ho voluto portare il pubblico dentro la mia visione personale della realtà. 

Voglio fare vedere, cosa i miei occhi intendono per essenza, e come essa si esprime nella realtà, che cosa sia per me, la mia visione.

Tutto si muove e muovendomi con lui durante lo scatto sono riuscito ad entrarci dentro, scavando fino alla sua essenza, isolandone il suo valore.

Non mi sono limitato a guardare così semplicemente la realtà con gli occhi, ma bensì ho lasciato aperta la possibilità all’emozioni racchiuse in essa di fare il proprio corso, di emozionarmi.

L’essenza è in grado di rispondere alla nostra domanda, al nostro bisogno e alla nostra esigenza di provare emozioni. 

Perché è essa stessa la risposta della realtà.

“L’ essere delle cose è scendere nella realtà delle cose fino a dove le cose sono fatte”
(Generare tracce nella storia del mondo. Luigi Giussani, Stefano Alberto,  Javier Prades.)



Fibra
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Wood
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Domanda
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Mistero
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Materia
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Riflesso
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Deep
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Purezza
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Pensiero
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Ombre
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Sguardi
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Solo
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350

Vibrazioni
Fine art, hahnemuhle baryta fb 350